Paura di volare

paura di volare

Paura di volare

paura di volare
Interno di un aereo

Trattasi di una monofobia. La persona ha una normale vita di relazione, salvo se è costretto a prendere l’aereo.

Considerato che molte persone non hanno questa esigenza, probabilmente la diffusione reale di questo problema è maggiore di quanto appare dalle statistiche.
Si tratta di una paura che può avere diverse motivazioni:

-Morire per la caduta dell’ aereo

-Paura di attentati

-Paura dell’ altezza (acrofobia)

-Paura di essere chiusi in uno spazio dal quale non si può uscire (claustrofobia)

Naturalmente la consapevolezza che si tratta di una forma di trasporto tra le più sicure non serve a contenere il problema che
riguarda la sfera emozionale sulla quale poco può fare il ragionamento, se non peggiorare la situazione.

A proposito della paura degli attentati si racconta di un signore che temendo che l’aereo che deve prendere per motivi di lavoro la settimana successiva
possa subire un attentato ed esplodere in volo, chiama la compagnia aerea e si informa circa le probabilità che a bordo del volo in questione possa esserci una bomba.

Dopo una prima incredulità, l’addetto della compagnia si informa presso gli esperti e comunica che questa probabilità è pari a una su 1 milione.

Il nostro amico ringrazia e pone una seconda domanda: “quante probabilità che ci siano due bombe a bordo?”.

La risposta degli esperti non tarda venire: una su 10 milioni.

Soddisfatto, a questo punto prenota il volo.

Lo arrestano all’aeroporto, il giorno della partenza, perché ha con sé una bomba. Inutili risultano le sue spiegazioni razionalmente ineccepibili che il suo
era un modo matematicamente studiato per ridurre in maniera consistente la possibilità che l’aereo esplodesse.

Torna a Problemi trattati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *